La dieta anti-zanzara

L'estate è finalmente è arrivata: sole, mare, montagna e zanzare. Immancabili compagne di vacanza e nemico numero uno di questa stagione, ogni anno fanno comparsa puntualmente per regalarci notti insonni e corse ai repellenti. Le ultime notizie dai cercatori del CNR ci confortano: è possibile allontanare le zanzare, riducendo il rischio di farsi pungere, grazie al alcuni alimenti. In base alla nostra dieta infatti i ditteri trovano più o meno appetitoso il nostro sangue. Alimenti con alte concentrazioni di vitamina C e vitamine del gruppo B1 e B6 alterano l'odore il sudore rendendoci inattraenti e poco gustosi. Allo stesso modo alcuni cibi renderanno il nostro sangue più acido e la nostra sudorazione più elevata, con la conseguenza di risultare agli occhi delle zanzare un gustoso bocconcino.

Vediamo quali cibi evitare e quali assumere per cercare di evitare i fastidiosi pizzichi estivi.

Innanzitutto è opportuno assumere quantità limitate di formaggi stagionati, carni rosse e insaccati. Anche la birra pare essere correlata a un maggior numero di punture di zanzare e, allo stesso modo, anche cibi ricchi di potassio come albicocche, banane e verdure a foglia verde come gli spinaci.

Si a pompelmo, aglio e pepe nero che contengono alcune sostanze, rispettivamente Nootkatone, allicina e acilpipedrine, dal forte potere insetticida. Anche basilico, menta e lavanda risultano particolarmente efficaci nella lotta alle zanzare.

Siete ora pronti per recarvi dal vostro fruttivendolo e fare incetta di cibi anti zanzare!